VIDEOCONFERENZA sul Vangelo domenicale di MARTEDÍ 19 Gennaio 2016 h. 21.00 sul tema: “Oggi è il tempo della liberazione” (Lc 1,1-4; 4,14-21), a cura della Parrocchia dell’Invisibile

Per chi non avesse avuto modo di seguire la diretta della videoconferenza, può rivederla lasciando sul nostro blog i vostri pensieri, le vostre riflessioni, domande, etc., che potranno ricevere anche una risposta

link al video

Le domande poste in chat dopo la lettura del brano:

  • sauro: il confine sottile tra l’uso e l’abuso, eterno dilemma con cui si deve confrontare l’uomo anche e sopratutto di fronte alla tecnologia. La tecnologia è oggettiva, siamo noi che la possiamo far divenire una grande opportunità per noi e per il prossimo invece che un immane flagello se riusciamo a non farci usare ed a non farci omologare. Anche la tecnologia usata per costruire ponti invece che per issare muri!!
  • silvio&Rosaria: Ma quale può essere il limite del nostro osare a cercare il nostro essere noi stessi
  • digioiaingioia: per essere toccati dalla Parola ci vuole un buon Passa…parola! Grazie per come sai portare a noi la parola che cambia la vita

 

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Videoconferenze. Contrassegna il permalink.

2 risposte a VIDEOCONFERENZA sul Vangelo domenicale di MARTEDÍ 19 Gennaio 2016 h. 21.00 sul tema: “Oggi è il tempo della liberazione” (Lc 1,1-4; 4,14-21), a cura della Parrocchia dell’Invisibile

  1. Silvio&Rosaria ha detto:

    Silvio&Rosaria: MI sono sempre chiesto quale fosse il limite del nostro osare, andare oltre le consuetudini, il normale, il quello che ci si aspetta da te, e questo comporta assumere una posizione anche scomoda per se stessi e per gli Altri. A quel punto l’osare vuol dire rompere quelle barriere, quegli schemi che gli altri hanno di te e quelli che ti sei fatto di te stesso e che spesso sono corazze difensive. Ma scendere nel proprio profondo puo anche comportare assumere decisioni coraggiose che spesso generano conflitti interiori e con gli Altri. E allora “l’andare” diventa essenziale, anche a costo di sbagliare, seguire quella voce dentro che ti avvia dove spesso preferiresti non andare. E’ un gioco di parole? No! è la vita.

    • terradelsanto ha detto:

      Grazie cari nostri parrocchiani siciliani, per il vostro contributo. Scusate se solo ora rispondo ma mi sono accorto adesso del vostro commento. Continuate a nutrirvi di questa Parola che libera e fa scendere nelle profondità di noi stessi e ci fa osare, oltre i perbenismi e le consuetudini accomodanti. Vi abbraccio. Luca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...