MARTEDÌ 13 APRILE alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “COMPAGNO DI STRADA”

E se il Risorto ci camminasse accanto… lo riconosceremmo? (Lc 24,35-48).

Queste le domande e/o riflessioni fatte a Luca durante la diretta, attraverso la chat

Patrizia K. ra​: Sì, corrispondere al proprio destino equivale a percepire e riconoscere la chiamata personale nella quale Dio stesso convoca la creatura, l’attende e cammina con lei. confusione? No. grazie. Sì, l’invisibile allontana l’idolatria, il simbolo erompe.

Paolo Pomi: ​la Resurrezione ci coinvolge completamente in una visione ulteriore dell’ALTRO? di chi ci è prossimo tutti i giorni?

Laura Ferrari: ​Sono contenta se si risuscita con il corpo perché con questo potrò riabbracciare tutti e ricordare anche il tempo passato che è mio, nostro, che non si può scordare altrimenti non saremo noi. Io spererei che tutto il creato le creature tutto possa rivivere in un modo nuovo che non so ma tutti insieme e che niente vada perduto.

Chiara Giannotti​: se l’anima è legata al corpo, che succede durante la morte?

Giulio Radaelli: ​ok, l’immortalità dell’anima non è un concetto biblico: anima e corpo sono un unicum. Se così è, cosa possiamo dire della morte e di cosa è di noi tra la nostra morte e la nostra resurrezione?

Chiara Bongiovanni​: grazie col cuore don Luca sai trasmettere entusiasmo e forza x continuare a camminare, anche nel terribile quotidiano di questi gg! grazie

Camilla Bugatto: ​Mi pongo la stessa domanda di Giulio radaelli ….puoi spiegare don Luca?

TEATRO FILOSOFICO: ​la dimensione dell’invisibile è una grande suggestione che ci stimola

Stefania Prino: ​ci saranno anche abbracci che qui in terra non abbiamo saputo dare o che non sono stati accolti…

Alex Elgrillo: ​Caro Luca, sei talmente connesso che stasera le tue Parole mi hanno amorevolmente schiaffeggiata. Si vive da dormienti e non ce se ne rende conto. Ma il tempo del risveglio è ora. Ne sarò capace ?lori

Elisa Tachis​: alleniamoci ad accogliere il mistero, il non tempo, senza volerlo definire, etichettare, alleniamoci a non volere controllare tutto, avere sicurezze su tutto..

Ornella Fumagalli​: Io credo che più ci si avvicina al Mistero e meno ci sembra di capire…siamo quindi sulla strada giusta, non per aver chiaro quello che sarà “dopo” ma que “adesso”…grazie Luca!

Andre Silvestri: ​Luca le tue illuminanti parole di questa sera mi hanno fatto pensare che Gesù torna dai suoi amici con le stesse sembianze per confermare quello che ERA e non dare spazio a pericolose interpretazioni

Patrizia K. ra: ​ kairos Anche qui, in terra. Amore, tempo infinito. Quando si ama ciò che si sta facendo, il tempio è eterno.

Giu Ma​: Grazie Luca per le tue parole… di Gioia … l’anima degli animali viene ripreso da molti Santi, anche S. Bernardo che chiama “spirito” l’anima degli animali… Shalom Buona Vita

Francesca Paci​: A proposito di vivere il presente mi viene in mente la canzone “vivere la vita” di Mannarino

Il brano e video consigliato è “Compagni di viaggio” di Francesco De Gregori. A cura di Sauro Secci. 

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento

MARTEDÌ 30 MARZO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “LA VITA OLTRE LA VITA”

C’è una passione per la vita che non ha confini e profuma di eterno(Gv 20,1-9).

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta, attraverso la chat

Laura Ferrari​: Mi risolleva il cuore pensare che si può essere discepoli anche se non si comprende tutto, se si è poco fedeli e paurosi. Ma questa fede come si sviluppa dipende da noi? È un dono che viene solo da Dio? Noi possiamo svilupparla? Hai detto cose straordinarie!!! Riuscire ad esprimerle al meglio non è sempre semplice

Gibo Bene​: C’è una relazione tra i teli di cui hai parlato ..e la sacra sindone?

Barbara Genoni ​la vita non ha fine , quando si nasce si e’ gia’ nell’Infinito, la morte e’ solo un attimo della nostra vita che Dio Padre ci ha donato

Chiara Bongiovanni​: grazie! che conforto e aiuto grande in questo periodo di dolore immenso, come aver avuto un abbraccio dal ns Buon Dio!

Roberto Lago: ​Come fare perché il nostro sesto senso sia sempre elemento guida e artefice del nostro agire…

Teresa Boreanaz​: grazie Luca! mi hai regalato un sorriso. sono ritornata al ritorno alla vita di mia mamma una settimana fà. ero disperata perchè non trovavo più mia mamma, ma un corpo vuoto. solo al ritorno dalla preghiera comunitaria ho ritrovato mia mamma, e quel corpo vuoto ha acquistato un valore….lo potevo toccare..mia mamma era con me…non lì.

Luigi Luzzana: ​Hai ragione quando parli che la morte è un passaggio

Iole Gregori: ​Ma per noi cosa vuol dire resurrezione. Per me ogni nostra buona azione, ogni atto d’amore e’ una resurrezione o no

Maria Cama​: shalom a tutti, una modalità di crescita è anche questo stare insieme e ascoltare la Parola attraverso Luca.

Luigi Luzzana: ​Hai ragione che la morte non è che un passaggio ma difficile da accettare quando ti viene sbattuta in faccia molto durante e all’improvviso e tu sai che l’ho conosciuta due volte.

Teresa Boreanaz: ​grazie Luca! mi hai regalato un sorriso. sono ritornata al ritorno alla vita di mia mamma una settimana fà. ero disperata perchè non trovavo più mia mamma, ma un corpo vuoto. L’ho ritrovata quando sono tornata dalla preghiera comunitaria: mia mamma era con me e quel corpo sempre vuoto assumeva un valore…lo potevo toccare

Angela Cimmino​: Don Luca perchè i sacerdoti non parlano di questa vita oltre la vita? perchè celebrano la morte?

Il brano e video consigliato è l’attualissima “La forza della vita” di Paolo Vallesi (parole di Beppe Dati). A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

MARTEDÌ 23 MARZO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “LA MORTE DEL GIUSTO E LA CONVERSIONE DELL’ASSASSINO”

C’è un imprevisto e sconvolgente squarcio di luce alla morte di Gesù (Passione secondo Marco, in particolare Mc 15,25-39)

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta attraverso la chat

Laura Ferrari​: Non ci sono domande quando viene presentato un Gesù così umano e così vicino a tutti veramente a tutti. Viene solo voglia di abbracciarlo… anche se la mia fede non è così forte

Grazia Messi: ​Grazie Luca, ascoltarti è un gran conforto in questo mio momento di dolore per la perdita di mio fratello

Michela Sartor​: ….riflessioni e collegamenti che riempiono e nutrono il cuore….lasciandomi senza parole….solo affascinata, grazie

Angela Cimmino​: ho perso mio figlio un anno fa il suo passaggio sul respiro è proprio ciò che ho sentito in quel momento

Francesca Gemini: ​Cosa significa “Gesù è morto per i nostri peccati?” Perché?

Il brano e video consigliato è “Via della croce” dal capolavoro di Fabrizio De Andrè la “Buona Novella” (1970). A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Uncategorized | 2 commenti

MARTEDÌ 16 MARZO alle ORE 21 SERATA BIBLICA sul tema “OGGI NON MANCA NULLA… I miracoli goccia a goccia nel tempo della crisi”.

Con Luca Buccheri e Monica Rovatti.

Quest’anno il TERZO MARTEDÌ DI OGNI MESE RIPROPONIAMO LE SERATE BIBLICHE DEGLI SCORSI ANNI, RIVISITATE ALLA LUCE DEL PRESENTE. 

Pubblicato in Eventi Biblici (serate, camminate bibliche, raduni, trekking) | 1 commento

MARTEDÌ 9 MARZO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “COME SERPENTE INNALZATO”.

L’arte di trasformare il veleno in farmaco (Gv 3,14-21)

Queste le domande/riflessioni fatta a Luca durante la diretta, attraverso la chat:

Paola Gori: Nel nostro caduceo ci sono due serpenti incrociati uno per la dose terapeutica, uno per la dose tossica.

Gian Piero Carezzato: ​l’eternità è essere che si sostituisce ad un fare che si ripete. Siamo troppo impegnati in un fare che soffoca il nostro essere e le sue verità

Chiara Bongiovanni: ​’guardare a Gesù ci rende liberi’ che bello! grazie.

Laura Ferrari​: La verità è tentare di essere se stessi cercando di amare il prossimo?

Luigi Luzzana​: riprendiamo allora il vangelo di oggi dove GESU’ ci invita a perdonare 70 volte 7

Michela Sartor: ​farsi il segno della croce o portare una croce cosa significa collegandosi a ciò che abbiamo sentito oggi sulle paure e la croce ? …. Grazie !

Maurizio Montalti​: Grazie per l’espressione ” ..l’eternità della vita..” in questo momento che fatica vivere il presente col sentimento dell’eternità di ora. Nadia.

Rita Anzoni​: Che meraviglia pensare all’eternità della vita. Questo vuole dire vivere davvero il presente, essere se stessi nel presente, fare la Verità.

Iole Gregori​: Solo una madre o un padre kolbe possono amare come dice gesu che poi anche questi amori hanno una certa convenienza. Perche’ gesu’ e’ cosi’ esigente . Sarebbe bello certo ma e’ utopico.

Laura Ferrari: ​Perdonare è molto difficile occorre un cammino.. non viene da dare subito e forse non arriva. Non è facile.

Michela Russo​: perdono è proprio un dono un regalo gratuito un’apertura di cuore difficile in base al male ricevuto ma credo proprio redentivo.

Barbara Genoni: ​Perdonare da la libertà alla vita, una rinascita.

Il brano e video consigliato è “L’antidoto al veleno” di Alfredo Bruno (musica contro le mafie 2019). A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento

MARTEDÌ 2 MARZO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “IL TEMPIO DEL CORPO”

La perenne scelta tra l’essere tempio o mercato (Gv 2,13-25)

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta attraverso la chat

Salvatore Caputo: ​i romani avevano coniato la frase: Dio non vuole la morte del peccatore ma che si converta e paghi

Susanna Marchesin: ​Il “mercato” dentro di noi penso sia anche quando facciamo qualcosa solo per avere un contraccambio e quindi quando non siamo capaci di amare in maniera disinteressata.

Laura Ferrari​: Che bello quello che dici quando parli del corpo di questo involucro da parte mia così poco amato ho sempre fatto fatica ad accettarlo.Trovo bello poter con il corpo abbracciare ed accarezzare tutti.

Luisa Calaon: ​Quante divisioni però ha avuto questo nostro corpo…la carne molto meno importante dell’anima…invece terra e cielo fusi insieme! Che meraviglia poter vivere questo.

Susanna Marchesin​: puoi spiegare meglio: se il corpo risorge, l’anima allora risorge insieme al corpo?

Teresa Boreanaz: ​risorgerà il corpo: bellissimo perchè io riconosco e sono riconosciuta attraverso il mio corpo. é bello in tutti i suoi momenti, dall’inizio della vita al disfacimento finale. mi piace pensare che sia amato proprio lui e non…perdonami quella nuvoletta che sa di indefinito. Poi il Regno è qui…il resto verrà, ma ora vivo qui grazie Luca, grazie Monica.

Iole Gregori: ​Io credo di rispettare il mio corpo vedo nel vaccino un pericolo, se non lo rendono obbligatorio, non lo faro’ penso male.?

Grazia Messi: ​Luca ho perso mio fratello sabato, era un atleta ma purtroppo ora era tanto malato e il suo corpo ora rispecchiava la malattia. È da oggi che penso con che corpo risorgeremo?

Maria Cama: ​cosa pensi della cremazione e della scelta di tenere le ceneri in casa

Il brano e video consigliato è la tagliente “Addio” di Francesco Guccini. A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento

MARTEDÌ 23 FEBBRAIO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “LUMINEBULOSE TRASFORMAZIONI”

C’è un alternarsi di sole e nubi nel cammino evolutivo verso la bellezza(Mc 9,2-10).

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta, attraverso la chat

Elisa Tachis​: Bellissima considerazione quella delle ombre che permettono di veder la Luce

Sauro Secci​: bellissima questa immagine di ossigeno e idrogeno insieme nel segno della purificazione

Laura Ferrari​: Questo racconto del Vangelo mi risulta nebuloso non capisco il perché di questa trasfigurazione se non capibile

Gian Piero Carezzato: ​il cambiamento è apparentemente faticoso, rimanere uguali a se stessi è sofferenza

Chiara Bongiovanni: ​vedere le cose dall alto mi permette di sdrammatizzare come se Dio mi desse il diritto di essere nelle gioia nonostante tutto.grazie è un dono straordinario!!!

Teresa Boreanaz: ​pensavo ai miei momenti luminebulosi, passano sempre attraverso momenti bui e dolorosi. li non senti la tenerezza e la carezza del Padre, la senti dopo nel tempo sono quei momenti i più importanti, ma devi ascoltare. Grazie Luca davvero grazie

Giulia Morresi​: A me ha liberato davvero tanto la riflessione che una fatica, anche grande, porta ad una trasformazione. Grazie di cuore.

Stefania Prino: ​anche un grande dolore ti porta al cambiamento e lo capisci solo dopo un pò di tempo, allora tutto il disegno si dipana

Serena Becagli​: Ciao Luca, non so se è una domanda assurda. C’è una differenza tra quando Dio appare come luce da quando appare come suono?

Giovanna Scagliola​: la voce,la potenza di Dio si sente nell ombra.filtra da li. ma allora sembra che per capire la sua presenza al massimo serve tanta sofferenza.

Stefania Prino: ​Dio si manifesta anche con il soffio del vento?

Laura Ferrari: ​Anche nel giardino del Eden Dio parlava all uomo quando stavano insieme

Roberto Lago: ​La trasfigurazione è un cambiamento della materia causato da un’energia spirituale così profonda che riesce a farci cambiare la realtà!

Susanna Marchesin​: dovremmo sempre vivere dentro la dimensione del mistero, sia nella relazione con gli altri che davanti al dolore o quando non comprendiamo neanche noi stessi

Il brano e video consigliato è “L’ombra della luce” di Battiato, nella suggestiva interpretazione di Alice. A cura di Sauro Secci

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento

MARTEDÌ 16 FEBBRAIO alle ORE 21 SERATA BIBLICA sul tema “INSEGNACI A CONTARE I NOSTRI GIORNI… E guariremo dal risentimento”

Serata con letture bibliche e musiche per ritrovare la sapienza del cuore e la pace. 

Con Luca Buccheri e Monica Rovatti.

Queste le riflessioni fatte attraverso la chat durante la diretta

Rita Anzoni​: Grazie per questa bellissima serata biblica. Cari Luca e Monica vorrei dirvi una cosa. Io sono infermiera e ho a che fare con la morte tutti i giorni. Ciò che mi fa paura e che faccio ancora fatica a comprendere è la sofferenza.

Maria Laura Cheli​: ascoltando le tue parole ho preso consapevolezza che questo salmo, scelto nella ns liturgia nuziale, è diventato re senza saperlo con Luca. Quel saziaci al mattino con la tua grazia ..si è fatta realtà nella preghiera nella ns quotidianità coniugale…

Laura Ferrari​: La vita nonostante tutto la trovo bella e strana, la sofferenza e la morte mi spaventano in particolare la sofferenza. Forse senza sofferenza non saprei cos è la gioia e non capirei il prossimo.

Barbara Genoni​: la gioia di seguire il sole che si corica dietro gli alberi del bosco di casa …..il sorriso di mia nipote …che ha il colore degli occhi di una persona cara che non c’e’ piu’, arrivata dopo giorni bui…

Susanna Marchesin: ​Il risentimento è una scelta.Siamo noi stessi a scegliere di “avvelenarci” la vita oppure di essere innamorati e di sanare tutto con l’amore. Non è certo facile ma è possibile se lo vogliamo veramente.

Gian Piero Carezzato: ​questa cosa del passare il testimone è ciò che più manca adesso, il senso di assumersi una propria responsabilità nel fare bene ed il bene affinché questo bene di adesso possa sostenere il futuro di chi verrà dopo di noi.

Laura Ferrari: ​Che bello pensare che la nostra vita è un’opera, alle volte mi sembra di non dover lasciare nulla, spero che rimanga il ricordo dell amore e dell affetto che ho tentato e di dare e spero di continuare.

Teresa Boreanaz​: grazie!!! il problema è che tratteniamo la vita nostra ma soprattutto delle persone amate invece che lasciarla scorrere. imparare a lasciare andare e a prendere e a dare il timone

Pubblicato in Eventi Biblici (serate, camminate bibliche, raduni, trekking) | 1 commento

MARTEDÌ 9 FEBBRAIO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “CONTAGIO D’AMORE”

Quando il contatto (vietato) purifica e salva (Mc 1,40-45)

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta, attraverso la chat:

Laura Ferrari: ​Per chi compie grosse trasgressioni nei confronti del prossimo i cristiani dovrebbero tentare di perdonare perché Dio ama tutti gli uomini . La società terrena cosa deve fare?

Rosaria Anna Casano: ​Grazie Luca, sei sempre il nostro riferimento spirituale per come giungi nel profondo di ogni tema

Sauro Secci: ​bella questa visione “asettica” e anticonvenzionale che ci hai proposto, questa grande capacità di Gesù di andare oltre le lebbre di ogni tempo

Gian Piero Carezzato​: modelli imposti, modelli assorbiti, modelli da eradicare in noi in quanto i modelli che separano e giudicano sussistono se diamo loro energia. il cambiamento nasce da noi, da tanti noi insieme

Barbara Genoni​: Quando i sensi di colpa riesci a lasciare andare riesci a rivedere la vita e gli altri

Rosamaria e claudio marengo: ​quale è il confine tra senso di colpa e autoassoluzione?

Alex Elgrillo: ​Stasera con queste Parole di luce hai reso così tanta grazia a Cristo ! Quanto amore ! Grazie !

Giacomo Silvestrini: ​luca stasera le tue parole ci hanno fatto pensare all’incontro che Gesù ha con la samaritana al pozzo

Teresa Boreanaz: ​il passo più importante è lasciarci toccare nelle nostre lebbre che spesso sono le nostre paure. ti lasci toccare se stai dietro e non sai tutto di LUI

giulio radaelli​: interessante anche l’incipit : Gesù pare non teorizzre a priori di andare da un lebbroso ….e’ semplicemente raggiunto da uno di loro ….e lui”reagisce” ….come hai spiegato tu x bene …..

loretta pescarolo​: parole che contagiano e stimolano a rompere la mentalità della separazione.. ma che fatica e quanti pregiudizi… coraggio e apertura di lasciarsi toccare dal suo tocco d’Amore che libera

Marilena Stefan: ​bisogna iniziare ….dal catechismo… almeno I nipotini vivrebbero una fede gioiosa

Il brano e video consigliato è l’attualissima “Contagio” di Renato Zero. A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento

MARTEDÌ 2 FEBBRAIO alle ORE 21 VIDEOCONFERENZA da TERZELLI sul tema “LA FEBBRE DEL MARTEDÌ SERA”

C’è una passione e cura per gli altri che guarisce e rimette in cammino(Mc 1,29-39).

Queste le domande/riflessioni fatte a Luca durante la diretta attraverso la chat:

Laura Ferrari​: Durante la preghiera spesso mi sento vuota non so cosa dire ed allora chiedo a Dio di guardarmi dentro e di aiutarmi. Alle volte le preghiere canoniche ripeterle mi aiutano a rilassarmi e svuotarmi. Cerco nella preghiera di non chiedere cose perché mi sempre di andare a fare la spesa al supermercato anche se mi sento spinta a fare ciò.

Cosetta Panni​: la mattina quando mi sveglio il mio primo grazie e a Gesù poi la mia giornata è piena accudisco mia madre inferma ma poi alle 16 ecco il mio momento tutto per me medito e prego. Si ma non dico niente solo vieni o Signore Gesù penso che Gesù sa che c’è nel mio cuore lui lo sa.

Adele Banfi​: preghiera è il modo di vivere ogni momento, quindi ogni cosa è preghiera, ogni momento. quando si riesce ad essere presenti. ed il silenzio è ascoltare quello che abbiamo dentro è Dio che ci parla. Però anche recitare le preghiere conosciute e magari ripetitive aiutano a ritrovare calma nei momenti più turbolenti

Rita Anzoni: ​Luca mi hai preceduto. A volte recitare preghiere sono come un mantra che mi aiutano a fare meditazione, mi aiutano a concentrarmi.

Gian Piero Carezzato: ​Yoga Citta Vritti Nirodha, arresto dell’attività vorticosa della mente

Giacomo Silvestrini​: Gesù agisce prima con una guarigione “privata” e poi segue quella “pubblica”, così dovremmo agire noi: prenderci cura dei nostri cari per poi guardare e amare le persone al di fuori della famiglia

Rita Anzoni​: Quando preghiamo e siamo consapevoli preghiamo con tutto il corpo. Tutto ciò che facciamo deve diventare una forma di preghiera perché porta cambiamento in noi.

Adele Banfi: ​la preghiera è anche come viviamo ogni momento della giornata, è preghiera continua se siamo presenti in un modo bello in quello che facciamo. il silenzio è Dio che ci parla, ascoltiamo il nostro profondo l interiore

Ornella Fumagalli​: Come per la suocera di Pietro le strade nuove un po’ spaventano…in questo timido tentativo di preghiera silenziosa nella giornata la tentazione è quella di temere di star facendo tutto da sola…di immaginare qualcosa che non c’è…quel Gesù invisibile… però continuo!

antonella bizzotto: ​Mi piace pensare che la preghiera sia ascoltare il silenzio e darmi del tempo vuoto per riempirlo del tempo presente , che può rigenerarmi. Sono d’accordo che è un’autodisciplina.

Chiara Bongiovanni​: il tempo di Dio è il presente, il nostro presente del terribile quotidiano, dei profughi…

Il brano e video consigliato è la dolcissima “Allora si” dell’indimenticabile Pino Daniele. A cura di Sauro Secci.

Pubblicato in Videoconferenze | 1 commento